Morte Gautier, la Prefettura smentisce i ritardi. A Radio Alfa le interviste ai pastori del posto

Spiaggia Molara

La Prefettura di Salerno smentisce i ritardi che sono stati denunciati in relazione alle ricerche di Simon Gautier svolte su un territorio vasto e con molte asperità, con dirupi e inghiottitoi.

Dal Palazzo di governo dicono che sono stati utilizzati anche i cani molecolari, addestrati per muoversi in territori montani, elicotteri e droni. Tanti i volontari della Protezione civile che hanno battuto la zona, insieme a una ventina di amici di Simon, giunti dalla Francia. A dare l’allarme era stato proprio l’escursionista francese con una telefonata al 112, venerdì 9 agosto. Alla telefonata ha risposto la centrale della Basilicata che poi ha dovuto smistare la richiesta alla centrale in provincia di Salerno.

Da quanto ricostruito, il 27enne, giovedì 8 agosto, dopo essere giunto in treno alla stazione ferroviaria di Policastro, avrebbe dormito in tenda sulla spiaggia di Scario. Avrebbe, poi, spento il proprio cellulare durante la notte per riaccenderlo intorno alle 6 e mezzo del mattino, quando, presumibilmente, ha iniziato il suo percorso escursionistico, diretto da Policastro a Napoli. Ciò é stato confermato dalla madre di Simon, Delfina Godard. “Simon prima di partire ha lasciato una mappa del percorso, ma non so se mio figlio ha cambiato idea ed ha preso un altro percorso”, ha detto la donna. Simon Gautier viveva a Roma e frequentava un dottorato in Storia dell’arte, dopo essersi laureato alla Sorbona. Era un appassionato di escursionismo e non è la prima volta che si era cimentato in imprese del genere. 

A Radio Alfa abbiamo raccolto i commenti e le voci di chi il luogo lo vive ogni giorno: i pastori del posto.

Ascolta

pastori

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Una risposta

  1. Eliana 20/08/2019

Lascia un Commento