Montecorvino Pugliano, partiti i lavori per la realizzazione dei corpi idrici

Al via a Montecorvino Pugliano, dalla frazione di Pagliarone, i lavori per l’adeguamento delle condotte idriche e fognarie nell’ambito del Por Campania Fesr 2014/2020.

Nel progetto di risanamento ambientale dei corpi idrici superficiali della Provincia di Salerno sono stati coinvolti i Comuni di: Montecorvino Pugliano, Baronissi, Battipaglia, Bellizzi, Montecorvino Rovella, Pellezzano, Pontecagnano Faiano, Salerno. Il Grande Progetto Risanamento ambientale della provincia di Salerno vuole migliorare la salubrità e la qualità di vita dei cittadini e a tutelare gli habitat e le specie delle aree naturali protette presenti nella zona. 

Il Piano Progettuale prevede, infatti, il risanamento dei corpi idrici superficiali interessati dai reflui non depurati o non a norma con l’obiettivo di ottimizzare il funzionamento degli attuali sistemi fognari e depurativi con ricadute positive sulle acque costiere. L’intervento consiste principalmente nella realizzazione di interventi di raccolta e depurazione delle acque reflue urbane, attraverso l’adeguamento delle unità depurative esistenti; la realizzazione di nuovi impianti di depurazione; il completamento dei collettamenti e degli allacciamenti delle reti fognarie esistenti agli impianti di depurazione; il compimento delle reti fognarie esistenti e la costruzione di nuove reti fognarie. Il responsabile dell’esecuzione del progetto è la Provincia di Salerno, mentre la ditta esecutrice dei lavori è l’impresa “Ritonnaro Costruzioni srl”. L’intera infrastruttura costerà quasi 13 milioni di euro, di cui circa 2 milioni di euro saranno investiti sul territorio di Montecorvino Pugliano.
I primo cantiere è partito da Pagliarone, poi interesserà anche le frazioni di Torello e San Vito. 

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Lascia un Commento