Minacciò di fare una strage a Salerno nel 2016, espulso cingalese

Nel 2016 minacciò di essere un terrorista dell’Isis e di fare una strage a Salerno. Il responsabile, un cingalese, è stato espulso dall’Italia per motivi di sicurezza pubblica.

L’uomo è stato sottoposto a procedimento penale per gravi episodi di allarme sociale come strage, resistenza, lesioni a pubblico ufficiale e per aver minacciato di morte una donna italiana, affermando di essere membro del sedicente Stato islamico.

Nel marzo del 2016, l’uomo si barricò in casa a Salerno e, dopo aver tagliato il tubo di gomma del gas di cucina, si scagliò, impugnando un’asta di ferro, contro gli agenti di Polizia intervenuti sul posto mentre era in corso l’evacuazione dell’intero stabile. Per questo fu anche condannato a 10 anni di reclusione.

Lascia un Commento