Migranti, Unicef chiede minuto di silenzio per bimbi morti in mare

Un minuto di silenzio per tutti i bambini morti in mare: lo propone Andrea Iacomini, portavoce di Unicef Italia, commentando la notizia dell’arrivo, a Salerno, di una nave con 900 migranti che questa mattina sbarca anche il cadavere di un bambino di tre anni.

“Lui non ce l’ha fatta e non importa il motivo, è semplicemente il simbolo di una indifferenza globale che deve finire. I bambini non possono, non devono morire in mare, lo abbiamo ripetuto già troppe volte”, così il portavoce di Unicef Italia Iacomini che per stamani propone nelle scuole, nei luoghi di lavoro e ovunque ci troveremo, di dedicare un minuto di silenzio a lui e a tutti i bambini che in questi anni non siamo riusciti a salvare.

Lascia un Commento