“Meravigliosi fondali”, successo per l’operazoone voluta dal Parco Nazionale

Si è conclusa con successo l’operazione “Meravigliosi fondali” voluta dal Parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni per la pulizia dei fondali delle aree marine protette.

A Castellabate i sub si sono immersi a Punta Pagliarola dove hanno recuperato due reti, una di 50 metri e una di circa 30 metri, oltre ad uno pneumatico a circa trenta metri profondità. A Vallone alto, a circa 30 metri di profondità, sono state recuperate tre reti per un totale di 600 metri. Intrappolate nelle maglie delle reti le stelle marine, posidonia oceanica e alghe brune. E’ stato recuperato perfino un ventilatore.

A Marina di Camerota in zona la Magnosa è stata trovata invece una rete da posta di una cinquantina di metri a 25 metri di profondità. 

Lascia un Commento