Maxi evasione fiscale, nei guai un imprenditore del settore carburanti del Vallo di Diano

120 milioni di euro di base imponibile sottratta a tassazione per un ammontare di tasse e imposte non pagate pari a 62,5 milioni di euro.

A tanto ammonta l’evasione accertata dalla Guardia di Finanza di Sala Consilina nei confronti di un imprenditore del Vallo di Diano operante nel settore del commercio al dettaglio di carburanti.

L’evasore è stato individuato a seguito di un’accurata attività di mappatura del territorio, che ha consentito agli investigatori delle Fiamme Gialle di evidenziare un tenore di vita elevato rispetto ai redditi dichiarati.

L’evasione rilevata si è concretizzata mediante l’omessa presentazione delle dichiarazioni annuali obbligatorie per complessivi 43 milioni di euro di I.R.PE.F., 15 milioni di euro di I.V.A. e 4,5 milioni di I.R.A.P.. Per questo motivo l’imprenditore è stato deferito alla Autorità Giudiziaria e segnalato all’Agenzia delle Entrate per i conseguenti provvedimenti.

Lascia un Commento