Mascherina obbligatoria in Campania, tutte le dichiarazioni del governatore De Luca dalla sanità all’economia

Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo
Radio ALFA, LIVE • LOCAL • SOCIAL

“In Campania noi lavoreremo come anche il governo nazionale sta facendo, con verifiche ogni 14 giorni. Ogni due settimane ci sarà una verifica della situazione per capire se ci sono state conseguenze rispetto alle decisioni prese (flessibilità, riaperture e mobilità). Se riemerge il contagio bisognerà avere la capacità di intervenire subito. Io ho terrore per la ripresa contagio“. Lo ha detto il governatore della Campania Vincenzo De Luca nella conferenza stampa del venerdì pomeriggio aggiungendo “Voglio insistere su una cosa: dobbiamo essere rigorosi sull’obbligo di indossare mascherine fuori casa e se è possibile rispettare il distanziamento sociale. E’ indispensabile – ha ribadito – e noi saremo rigorosissimi con un’ altra ordinanza: c’è obbligo di indossare mascherina altrimenti ci sono le sanzioni“.

De Luca ha anche ricordato che la Regione Campania ha prodotto 4,5 milioni mascherine e ne ha messo in produzione un altro milione e 250 mila per i bambini. “E’ una iniziativa unica in Italia per dare una mano anche ai più piccoli” così il governatore campano che ha anche ricordato che è stata fatta una gara per acquisire mascherine in tempi accelerati per coprire la fasce dai 4 ai 8 anni e dai 9 ai 16 anni. E’ stata utilizzata l’anagrafe vaccinale per inviare a casa un kit di due mascherine per i più piccoli. Con Poste Italiane sono stati distribuiti su Napoli 400mila kit per un totale di 800mila mascherine, inoltre è stata completata la distribuzione ad Avellino, Benevento Salerno e Caserta, e domani sarà completata anche la vasta provincia di Salerno. Ai comuni con meno di 10mila abitanti è stato distribuito un altro milione e 250mila mascherine e la distribuzione sarà completata tra oggi e domani.

 

“Per tornare a fare footing bisognerà attendere 2-3 settimane” ha detto ancora De Luca che ha anche annunciato l’individuazione di “aree dedicate dove consentire anche la corsa senza mascherina”. “Chi non indossa le mascherine – ha affermato il presidente della Regione Campania – è una bestia perché non ha rispetto per anziani e famiglie e perché non ha rispetto per il lavoro immane fatto dalla Regione per consegnarle”. De Luca ha anche annunciato che, successivamente, le mascherine saranno disponibili anche nei supermercati come nelle farmacie. “Noi – ha detto ancora – le abbiamo prodotte, acquistate e consegnate a 2,5 milioni di famiglie” per questo “deve corrispondere un atteggiamento di responsabilità”.

Il governatore campano ha anche ricordato che i sindaci hanno il potere e il dovere di far rispettare l’ordinanza della Regione Campania che impone l’obbligo delle mascherine. “Vale per le forze dell’ordine ma anche per i sindaci, che io ringrazio” ha detto ancora il governatore secondo cui “tantissimi sindaci hanno collaborato e segnalato situazioni di emergenza altri se ne infischiano e non è possibile. Quindi organizziamo i servizi di pattugliamento della polizie municipali: noi interverremo con le forze dell’ordine” così De Luca.

“La fase 2 in Campania è già cominciata, anche se non molti a livello nazionale se ne sono già accorti” ha detto ancora sottolineando che, a livello nazionale, “è ripreso in grande stile il litigio e la accapigliamento”. “Per noi in Campania – ha evidenziato de Luca – la ‘fase due’ significa cose chiare ma anche cose straordinarie: decideremo quello che decideremo e faremo quello che faremo facendo ogni due settimane le verifiche”.

Il governatore campano si è poi soffermato sul Piano Socio Economico della Regione Campania di quasi un miliardo. Ha ricordato che è stato dato un bonus di 2mila euro alle microimprese, quelle piu’ danneggiate dell’epidemia. Ieri è scaduto il termine per chiederelo. Sono arrivate 121892 domande quindi circa 50mila in più che la Regione cercherà di coprire. Sono stati firmati i decreti di finanziamento per 2479 imprese. 

De Luca ha anche ricordato che la Regione Campania ha previsto un bonus di mille euro per i professionisti e per i lavoratori autonomi che sono aggiuntivi ai 600 del Governo. Il bando scadrà l’8 maggio ma ieri sera erano già pervenute 57mila domande per questo contributo. Ieri sono partiti anche i primi 564 pagamenti per i professionisti. Per quanto riguarda le micro imprese, De Luca ha assicurato che dal 4 maggio si procederà a pagamenti di 10mila aziende al giorno. Dal 4 maggio saranno inoltre emessi i pagamenti per i professionisti a blocchi di qualche migliaio alla volta. Ancora la Regione Campania darà un bonus a 250mila pensionati per portare le pensioni minime e sociali fino a mille euro, per i mesi di maggio e giugno grazie ad un’intesa con Inps e Ministero del Lavoro. “Abbiamo preferito procedere secondo il detto popolare ‘pochi, maledetti e subito’” così De Luca.

Il governatore ha anche ricordato che è stato pubblicato il 24 aprile un bando per concedere un sostegno all’affitto delle abitazioni principali, un contributo massimo complessivo di 650 euro: i comuni entro le 18 del 12 maggio devono trasmettere l’elenco dei certificati”.

Ci saranno anche contributi per i lavoratori stagionali alberghieri, aggiuntivo a quello nazionale e ci sono interventi a favore per famiglie con figli al di sotto dei 15 anni (bonus tra 300 e 500) che dovrebbe essere attribuito a maggio che ha fatto registrare già 130mila domande. Complessivamente sono stati inviati 98 milioni di euro per i servizi socio-assistenziali ai piani sociali di zona e aperto il bando per famiglie con problemi di disabilità non gravi. A breve ci saranno anche informazioni su pagamenti per le aziende agricole, settore pesca e acquacoltura e aziende florovivaistica e bufalina. A maggio anche il contributo di 250 euro per gli studenti che hanno acquistato strumenti informatici oltre a un contributo per gli assegnatari per le residenze (coloro che non hanno fruito delle residenze universitarie).

De Luca ha anche ribadito che in Campania sarà consentita nei prossimi giorni l’effettuazione dei test sierologici, nei laboratori privati, per rivelare se un soggetto sia entrato in contatto con una persona contagiata. Lo ha annunciato il governatore della Campania Vincenzo De Luca che ha anche ricordato il programma di screening di massa della Regione che vedrà la collaborazione anche i laboratori privati. “Aspettavamo la pronuncia dell’Istituto Superiore di Sanità sulla affidabilità dei vari test per il 29 aprile ma non credo ci saranno difficoltà” ha detto ancora De Luca che ha anche sottolineato che “non sanno rimborsabili”. I laboratori devono comunicare i risultati agli enti preposti.

De Luca ha anche ricordato che è stata approvata un’ordinanza per lo scaglionamento dei dipendenti negli uffici pubblici per evitare affollamenti su mezzi pubblici dove l’uso della mascherina è assolutamente obbligatorio in quanto “il distanziamento è veramente difficile”.

“Per quanto riguarda il mondo della scuola, la Campania – ha fatto sapere De Luca – ha inviato una lettera al ministro per chiedere nuove assunzioni e stabilizzazioni altrimenti è illusorio non avere classi con 30-35 alunni”.

Il presidente della Regione Campania si è anche soffermato sulle difficoltà che stanno affrontando le scuole paritarie “che rischiano di chiudere” e sulle quali c’è “la nostra attenzione e quella del governo”.

Per il maxi concorso della Regione Campania, per 10mila assunzioni De Luca ha annunciato che “è quasi a conclusione per i primi 3mila candidati: stiamo lavorando per far fare le prove anche ai 20 che hanno fatto ricorso: a giugno prossimo – ha annunciato ancora – potremmo mandare a lavorare tremila giovani”. 

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Vipnet, la soluzione per internet e voip senza linea fissa

Lascia un Commento

Contattaci whatsapp