Maratea (PZ) – Inserimento lista Patrimonio Umanita’ UNESCO, incontro in Comune

Un altro passo verso l'inserimento di Maratea nella lista del Patrimonio Mondiale dell'Umanità dell'UNESCO è stato fatto nel corso di un incontro preliminare tenutosi presso il municipio della cittadina tirrenica.
All'incontro, oltre al sindaco Mario Di Trani ed al professor Francesco Sisinni, già direttore generale dei Beni Culturali nonché promotore dell'ambiziosa iniziativa, hanno partecipato il direttore regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Basilicata Attilio Maurano e Francesco Canestrini, soprintendente per i Beni Architettonici e Paesaggistici della Basilicata. Hanno relazionato anche Gianni Bonazzi e Francesca Riccio, rispettivamente Direttore Servizio I e Coordinatrice Studi dell’Ufficio Patrimonio Mondiale Unesco.
In apertura del dibattito il sindaco ha sottolineato come questa preliminare riunione costituisse "l’avvio ufficiale di un percorso certamente lungo e difficile ma al contempo affascinante in quanto coincidente con le aspirazioni del territorio di Maratea". A proposito dei vincoli che potrebbero scaturirne, Di Trani ha invitato a considerare il fenomeno in termini di ritorni tangibili a vantaggio delle generazioni future, prendendo come esempio le località già facenti parte della lista del Patrimonio Mondiale dell'Umanità. "E’ necessario tuttavia – sottolinea il primo cittadino di Maratea – che sull’idea ci sia unanime accordo". "Maratea – afferma il professor Sisinni – possiede i requisiti fondamentali per aspirare a far parte della Lista UNESCO, costituendo un importantissimo epicentro di innegabili ricchezze culturali ed artistiche ove si registra, tra l’altro, una forte presenza basiliana e bizantina che ne accresce la valenza storica". Sisinni ha ricordato come sia oggi "particolarmente complesso" l’iter che conduce all’inserimento nella lista e che occorre "l'appoggio di tante forze, soprattutto la comunità marateota e le istituzioni: Provincia, Regione e Soprintendenza". Lo stesso ex sindaco di Maratea ha annunciato di aver raccolto finora oltre trecento adesioni di persone che si sono offerte a supportare eventuali oneri connessi all’evento.

Lascia un Commento