Mancata depurazione in Costa D’Amalfi, parla Alfonso Del Pizzo uno dei 9 indagati

Liquami in mare, nel paradiso della Costiera Amalfitana senza essere depurati. La Procura di Salerno, come noto, ha avviato un’indagine che ieri ha portato al sequestro degli impianti di depurazione di Praiano e di Amalfi iscrivendo nel registro degli indagati 9 persone, tra cui i sindaci di Praiano e di Amalfi e l’ex sindaco di Amalfi, ai quali vengono contestati numerosi reati, tra cui il danneggiamento paesaggistico e la mancata tutela del paesaggio poiché  responsabili del corretto funzionamento degli impianti di depurazione.

Questa mattina a Radio Alfa, l’ex sindaco di Amalfi, Alfonso Del Pizzo, nel confermare che gli vengono contestati 18 capi di imputazione, ha detto che ad Amalfi non c’è un depuratore ma solo delle vasche di brigliatura dei liquami e che tutto va a finire, come per gran parte dei comuni, in una condotta sottomarina.

Riascolta l'intervista QUI

ex Sindaco Del Pizzo su indagini depurazione

Lascia un Commento