Maltempo, bilancio disastroso per l’agricoltura salernitana

Enormi danni per l’agricoltura salernitana per il maltempo che ha imperversato nelle ultime ore, in particolare le forti raffiche di vento. E’ quanto emerge dal primo bilancio della Coldiretti Salerno.

Si registrano danni alle serre e alle strutture aziendali in particolare alle coperture delle stalle, a rimesse e fienili e alle abitazioni rurali.

Le situazioni più difficili nell’agro sarnese nocerino e nell’area di Capaccio. Danni agli impianti serricoli a Sarno (dove piccole frane hanno interrotto anche strade rurali), a Nocera Inferiore, San Valentino Torio e San Marzano sul Sarno. Qui a rischio è il Cipollotto nocerino appena trapiantato e altre colture invernali appena messe a dimora. Problemi anche in Costiera amalfitana, in particolare a Tramonti, dove sono stati divelti alberi e vigneti. Serre scoperchiate a Capaccio e a Gromola.

Il vento, precisa il direttore di Coldiretti Salerno, Enzo Tropiano, ha creato danni alle serre un po’ ovunque, come a pergolati e muretti, alberi da frutto. Problemi anche per gli uliveti dove il forte vento sta spazzando via le olive in una fase cruciale per la raccolta. Nei territori colpiti è necessario attivare subito la procedura per la verifica dei danni e la richiesta dello stato di calamità”.

Coldiretti Salerno ha attivato una task force per le segnalazioni dei danni e la verifica delle conseguenze di questo vento fortissimo che si è abbattuto sulle campagne e sui centri abitati

Lascia un Commento