Male la campagna miele 2019, crollo del 41%. Criticità anche in Campania

Parte male la campagna 2019 del miele nazionale per colpa del clima ma anche della forte concorrenza estera.

La produzione di miele di acacia e agrumi ha fatto registrare una contrazione del 41% rispetto alle attese. In termini economici questo ha significato una riduzione dei ricavi per gli apicoltori di 73 milioni di euro. I dati emergono dalle stime che l’Ismea ha realizzato sulla prima parte della campagna produttiva dell’anno in corso. 

L’andamento climatico anomalo che ha caratterizzato il primo semestre dell’anno, infatti, ha messo definitivamente in ginocchio un settore già alle prese con problemi sanitari e minacciato dalla forte concorrenza del prodotto di provenienza estera. 

Nel dettaglio… le perdite produttive per il miele d’acacia, stimate intorno ai 55 milioni di euro, hanno penalizzato soprattutto le regioni del Nord. Per il miele di agrumi invece la stima del danno, secondo l’Ismea, si aggira intorno ai 18 milioni di euro, con una situazione critica in tutto il Mezzogiorno e perdite produttive tra il 40% e l’80%.

La situazione appare particolarmente compromessa in Sicilia, con perdite che si attestano attorno ai 7 milioni di euro, a seguire la Campania con oltre 4 milioni di euro e Calabria con 3 milioni di euro. Si tratta di un settore dove l’Italia, segnala l’Ismea, occupa il quarto posto tra i paesi dell’Unione Europea per numero di alveari (1,4 milioni aumentati del 7% nel 2018 rispetto al 2017), dopo Spagna, Romania e Polonia. Quanto alla produzione, secondo le stime dell’Osservatorio nazionale sul miele, si attesterebbe su oltre 23,3 mila tonnellate totali.

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Lascia un Commento