Lutto nel mondo forense salernitano, addio all’avvocatessa Giuliana Scarpetta

Il mondo salernitano dell’avvocatura piange la scomparsa di Giuliana Scarpetta, uno dei nomi più conosciuti nel foro di Salerno. La penalista salernitana è venuta a mancare improvvisamente ieri.

Il suo nome resterà legato per sempre al processo per la morte di Elisa Claps. Fu grazie alla sua tenacia che le indagini su un caso irrisolto per circa 17 anni anni fu riaperto e anche concluso così come l’avvocato Scarpetta aveva sempre immaginato. Grazie agli elementi raccolti la procura generale di Salerno riavviò le indagini sull’omicidio di Elisa Claps, la 16enne studentessa potentina scomparsa nel 1993 e il cui corpo venne ritrovato nel 2010 nel sottotetto della chiesa della Santissima Trinità di Potenza. L’uomo che Scarpetta aveva sempre accusato di quel delitto, Danilo Restivo, fu condannato a 30 anni di carcere, pena confermata anche dalla Cassazione. “E’ una grande perdita – ha commentato Gildo Claps, fratello di Elisa – l’avvocato Scarpetta prima di tutto era una grande amica. Per noi si è spesa in modo straordinario, sostenendoci anche sotto il profilo umano. Eravamo diventati di famiglia per noi è un dolore immenso” ha affermato ancora Gildo Claps.

Il nome dell’avvocatessa Giuliana Scarpetta era però legato anche al caso della scomparsa di Enza Memoli e del domestico indiano Sonu. Per questo caso la penalista salernitana chiese la riapertura delle indagini con l’utilizzo dei nuovi strumenti tecnologici.

Estroversa, appassionata e sanguigna, Giuliana Scarpetta aveva anche lavorato anni addietro a Radio Alfa.

Lascia un Commento