L’uomo sulla Luna, la storia del lucano Rocco Petrone a Cape Canaveral

In occasione del 50/mo anniversario dell’arrivo dell’uomo sulla Luna si ricorda anche la presenza di un italiano a Cape Canaveral. Si tratta dell’ingegnere Rocco Petrone, i cui genitori erano giunti negli Stati Uniti da Sasso di Castalda in provincia di Potenza.

La faccia di Petrone si può vedere, in molte foto d’epoca che racconta lo storico allunaggio del 20 luglio 1969. Ora su questo personaggio davvero poco conosciuto c’è un documentario, Luna italiana, diretto da Marco Spagnoli e prodotto da Istituto Luce-Cinecittà con il patrocinio di Agenzia Spaziale Italiana e in collaborazione con la Nasa. 

Un film che ricostruisce vita e personalità di quello che fu il direttore delle operazioni di lancio dell’Apollo 11 e collaboratore chiave di Wernher Von Braun, numero uno dell’Agenzia spaziale americana. 

Il documentario va in onda in esclusiva oggi su History di Sky. E’ ispirato al libro di Renato Cantore, Dalla Terra alla Luna, Rocco Petrone, l’Italiano dell’Apollo 11. 

Entrato nel leggendario gruppo di ingegneri che ad Hunstville in Alabama fondarono il nucleo di quella che nel 1958 sarebbe diventata la Nasa, Petrone, morto nel 2006 a 80 anni, realizzò con loro la promessa di John Fitzgerald Kennedy di portare l’uomo sulla Luna prima della fine degli anni Sessanta.

“Nessuno potrà mai dire abbastanza bene di Rocco Petrone. Non saremmo mai arrivati sulla Luna in tempo o, forse, non ci saremmo mai arrivati senza Rocco”. Con queste poche parole Isom “Ike” Rigell, ingegnere capo del Kennedy Space Center e addetto alle operazioni di lancio, ci dà il senso di una figura che ha avuto un ruolo centrale nel lungo e difficile percorso che ha portato, il 20 luglio del 1969, alla discesa dell’uomo sulla Luna. 

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Lascia un Commento