Ludopatia, anziani attirati dal gioco d’azzardo per solitudine, l’allarme della Cisl

Anziani e gioco d’azzardo. Un binomio sempre più in crescita a causa della “solitudine”. La mancanza di strutture polivalenti per la terza età, soprattutto nei piccoli comuni, sta spingendo molti anziani, per lo più uomini, a “darsi” al gioco d’azzardo per “passare il tempo”.

La denuncia è della Cisl che, attraverso la categoria dei pensionati, ha lanciato l’allarme parlando di un numero impressionante e preoccupante di anziani dediti al gioco d’azzardo. Il sindacato chiede ai comuni di gestire al meglio di fondi europei destinati proprio agli anziani in modo da realizzare dei luoghi in cui le persone non più giovani possano ritrovarsi, magari anche giocare a briscola intorno a un tavolino, ma non “buttare al vento” le pensioni. 

Riascolta l’intervista al segretario Matteo Buono realizzata da Ersilia Gillio
Matteo Buono Ludopatia tra anziani

Lascia un Commento