Lite per gelosia a Firenze, 39enne salernitano sferra un pugno ad un coetaneo

Sferra un pugno a un coetaneo per i continui apprezzamenti che rivolgeva alla sua fidanzata e un salernitano finisce agli arresti a Firenze. Quindi ci sarebbe la gelosia all’origine della lite.

L’insistenza poi di un corteggiatore molto sgradito ha fatto saltare i nervi ad un 39enne di Salerno che ha sferrato un pugno al rivale 40enne andato KO.

Il fiorentino ha avuto infatti gravi conseguenze: è stato ricoverato in coma all’ospedale Careggi per le lesioni provocate dal pugno e per aver battuto la testa sull’asfalto. Le sue condizioni sono stazionarie e dopo le prime 48 ore i medici si dicono cautamente ottimisti. Ha rimediato una trauma cranico forte e la sua prognosi resta riservata.

Nei guai ora è finito il salernitano M. P., già noto alle forze dell’ordine. Era a Firenze per una vacanza con la fidanzata, ora è in stato di fermo di indiziato di lesioni gravi.

Lascia un Commento