Lite con olio bollente tra detenuti nel carcere di Salerno

 

Ancora una lite tra detenuti al Carcere di Fuorni a Salerno nel corso della quale  stato utilizzato anche olio bollente.

La denuncia è del SAPPE, Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria, attraverso il segretario nazionale per la Campania, Emilio Fattorello. La lite è avvenuta nella Prima Sezione. I detenuti coinvolti di origini napoletane, tre o quattro, sono passati dalle parole alle vie di fatto al momento dell’apertura delle celle.

Un detenuto, da poco rientrato dal Reparto Isolamento per motivi disciplinari, è stato aggredito mentre un altro, forse intervenuto in difesa del compagno, è stato fatto oggetto dal lancio di olio bollente.

I due hanno subìto gravi lesioni che hanno determinato il loro urgente ricovero al Pronto Soccorso dell’Ospedale di Salerno.

I motivi reali della contesa non sono chiari ma – sottolinea Fattorello del SAPPE – tutto lascia pensare, in considerazione degli eventi critici che si susseguono, che nella struttura penitenziaria salernitana vi sia un tentativo di imporre la legge del più forte per acquisire una leadership interna ed esterna.

Lascia un Commento