Lite in un centro di accoglienza a Sanza, condannato 20enne del Mali

La Corte di Cassazione ha condannato a 6 anni e 4 mesi di reclusione il 20enne del Mali, Amadou Coulibally, per il reato di tentato omicidio nei confronti di un giovane senegalese nel centro di accoglienza “Il gabbiano” di Sanza.

I fatti risalgono al gennaio 2017 quando il 20enne, dopo una discussione sulla scelta della partita di calcio, andò su tutte le furie quando, terminata una partita della Liga spagnola e sintonizzata la tv sulla partita in corso del Campionato Africano, il Mali passò in svantaggio. Coulibally afferrò una bottiglia rotta di vetro e colpì il senegalese Balde Fode, la prima persona che era vicino a lui colpendolo alla gola, vicino alla carotide sinistra, provocandogli una ferita.

L’aggressore fu arrestato e ora è stato condannato definitivamente.

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Lascia un Commento