Lite e spari al pronto soccorso di Cava de’ Tirreni, ferite due persone

Una lite scoppiata al pronto soccorso dell’ospedale Santa Maria dell’Olmo di Cava de’ Tirreni oggi pomeriggio è degenerata al punto tale che sono stati esplosi dei colpi di pistola e due persone sono rimaste ferite.

Tutto quanto sarebbe scaturito dal rifiuto di un medico di guardia di ricoverare un pensionato 80enne, parente di due infermieri in servizio a Ruggi di Salerno e al 118. I due infermieri, stanno alla ricostruzione dell’episodio, hanno accompagnato il parente al pronto soccorso dell’ospedale metelliano ed avrebbero tentato di evitare la fila cercando di convincere il medico di turno che però si è rifiutato. Ne è nata una discussione che col passare del tempo è degenerata.

Sul posto è arrivato il padre del medico che armato di pistola ha sparato alle gambe del figlio del paziente 80enne. In difesa del ferito è intervenuto il figlio, nipote dell’anziano 80enne, il quale si è scagliato contro il responsabile del gesto. A questo punto è partito un altro colpo di pistola che ha ferito il papà del medico.

I due feriti sono stati soccorsi e sottoposti ad intervento chirurgico per l’estrazione dei proiettili. Sono in corso le indagini per chiarire meglio la dinamica del grave episodio e le motivazioni. 

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Lascia un Commento