Legge Severino, per la Consulta non è punitiva. No ai rilievi del Tribunale di Napoli sul caso De Luca

Per i giudici della Consulta, chiamati a dire la loro sulla costituzionalità della Legge Severin, le misure di incandidabilità, decadenza, sospensione per gli amministratori locali previste dalla legge Severino hanno “natura non punitiva” e quindi non sono assoggettabili al “principio di irretroattività valido per le pene e per le misure amministrative di carattere punitivo-afflittivo”.
La Consulta, inoltre, stabilisce che le diverse misure previste dalla norma per i parlamentari e amministratori di enti locali configurano una disparità di trattamento, perché queste figure operano a un diverso “livello istituzionale e funzionale”

La Suprema Corte ha rigettato in parte come inammissibili e in parte come infondate le questioni di legittimità sollevate sulla legge Severino dal Tribunale di Napoli in relazione al presidente della Regione Vincenzo De Luca, incappato nelle maglie della legge Severino per la vicenda termovalorizzatore. 

Lascia un Commento