Lavori al porto di Salerno a rilento, allarme di Assotutela

Gli operatori del porto di Salerno esprimono grande preoccupazione per la situazione che si è venuta a determinare con il blocco delle opere all’interno ed all’esterno dello scalo. A farsene portavoce il principale imprenditore portuale, Agostino Gallozzi, che è anche presidente di Assotutela, secondo il quale i lavori previsti segnano il passo: dragaggi, imboccatura, manutenzioni, gallerie di collegamento con le arterie autostradali.

Occorre constatare, secondo Gallozzi, che in questi primi dieci mesi del 2017 non si è riusciti ad entrare nella fase operativa, nonostante l’impegno profuso dalle istituzioni competenti.
“Ogni giorno di ritardo nell’avvio dei lavori di approfondimento dei fondali e delle altre opere programmate penalizza gravemente il porto di Salerno e l’intera economia provinciale”.

Assotutela lancia un vero e proprio allarme perchè si corre il rischio di indebolire la portata dei risultati importantissimi raggiunti con il sacrificio di tutte le componenti che agiscono nel porto: lavoratori ed imprese in primo luogo.

L’auspicio di Agostino Gallozzi è che si riesca a smuovere il pantano burocratico/amministrativo nel quale siamo precipitati e dal quale dobbiamo uscire con un’azione – dice – forte e decisa da parte di tutta la filiera istituzionale, in maniera coesa come è sempre accaduto nei momenti di difficoltà del porto di Salerno.

Lascia un Commento