L’Aquila, furto in gioielleria. Arrestate due donne di Agropoli

Avevano messo a segno decine di furti in gioiellerie a Monopoli, Biella, Lamezia Terme, Tivoli e Agropoli ma l’ultimo colpo, messo a segno a dicembre a L’Aquila, è stato fatale per una coppia di ladre residenti ad Agropoli.

Le due donne, un’italiana di 25 anni e un’ucraina di 45, entrambe residenti ad Agropoli, avevano preso di mira una storica gioielleria aquilana portando via monili per 10 mila euro.

L’orafo aveva denunciato il furto di 14 oggetti in oro, tra cui un bracciale in oro bianco con diamanti, 8 ciondoli in oro giallo, 3 catenine in oro giallo e 2 anelli in oro per un valore complessivo di 10 mila euro. La polizia ha scoperto che le due donne agivano in maniera coordinata. L’ucraina distraeva i titolari della gioielleria con molteplici richieste e approfittando dell’assenza di controllo, l’altra nascondeva i monili nella mano destra per poi farli scivolare nel cappotto.

Quando gli oggetti più preziosi erano ormai in mano delle ladre, la 25enne avvertiva la complice con un segnale convenuto, ovvero toccandosi il naso. La polizia ha acquisito le immagini degli apparati di videosorveglianza e rilevato le impronte lasciate sul posto, dalle quali si è scoperto che le due erano già censite nella banca dati delle forze di polizia perché oggetto di segnalazioni per furti in gioiellerie in vari città d’Italia.

Lascia un Commento