La tomba del Tuffatore torna a Paestum e Zuchtriegel annuncia una nuova scoperta

Da questa mattina, la lastra superiore della Tomba del Tuffatore di Paestum è di nuovo in esposizione nel museo archeologico pestano all’interno della sala ‘Mario Napoli’, completamente rinnovata.
Ad accompagnare l’evento, un altro importante annuncio da parte del direttore Gabriel Zuchtriegel, che potrebbe fare nuova luce sulle origini della Tomba del Tuffatore. La ‘scoperta’ riguarda un’altra lastra tombale, simile a quella del Tuffatore, trovata diversi anni fa nella necropoli di Arcioni, a nord-ovest dell’antica Poseidonia, e conservata nei depositi del Museo di Paestum.
Si tratta della tomba di una donna, senza corredo all’interno, priva di scene figurate ma decorata negli angoli con palmette quasi identiche a quelle del Tuffatore. Zuchtriegel ha raccontato di aver fatto un salto quando ha visto la tomba che a questo punto potrebbe essere di tradizione proprio pestana, non etrusca o greca. Sono state  disposte indagini archeometriche su entrambi i reperti per studiarne attentamente decori e risalire a chi li eseguiva.

Se la tesi del giovane direttore tedesco dovesse essere confermata, bisognerà riscrivere la ‘storia’ della Tomba del Tuffatore

Lascia un Commento