“La pandemia rischia di dividere strutturalmente ancor più Nord e Sud”, Giannola (Svimez) a Trochiara

Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo
Radio ALFA, LIVE • LOCAL • SOCIAL

“La pandemia da una parte ha unito il Paese ma dall’altra prospetta il rischio di dividere strutturalmente ancor più Nord e Sud”. E’ il monito lanciato dal Presidente di Svimez, Associazione per lo sviluppo dell’industria nel Mezzogiorno, Adriano Giannola, intervendo a Torchiara, nel Cilento, ad un confronto con Ferruccio De Bortoli, già direttore del Sole 24 ore e del Corriere. E’ indispensabile un serio Progetto-Sistema che coinvolga sia il Centro-Nord che il Mezzogiorno, dando attuazione fino in fondo a quell’obiettivo della coesione nazionale posto tra le condizioni fissate dalla Ue per l’assegnazione delle risorse stanziate a Bruxelles.

Un progetto ambizioso, secondo il presidente di Svimez, ma possibile se si sapranno concentrare le risorse aggiuntive europee su due obiettivi fondamentali: in primis ridurre le diseguaglianze nella fruizione dei diritti di cittadinanza e poi di mettere a regime un secondo motore, quello del Sud, indispensabile per rendere il Paese protagonista di una strategia euro mediterranea. Si deve dare infatti risposta all’urgenza di riscattare un ventennio di inerzia che ha segregato 20 milioni di cittadini nelle sedicenti politiche regionali di coesione. 

 

Secondo Giannola, l’Italia dovrà dimostrare nei fatti la capacità di realizzare i progetti che saranno presentati all’Europa nell’ambito del Recovery Fund. Su cosa occorra in concreto Giannola non ha dubbi: i soldi del Recovery Fund debbono essere assegnati in accordo tra Ue e Governo nazionale al quale compete la responsabilità di esplicitare una visione ed una strategia, coinvolgendo ma non delegando questi compiti alle Regioni. Il timore del Presidente Svimez è che si perpetui il farraginoso meccanismo dell’utilizzo dei Fondi europei, che, in particolare al Sud, ha finora ritardato, e in più di un caso perfino impedito, una spesa pubblica davvero proficua. 

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Vipnet, la soluzione per internet e voip senza linea fissa

Lascia un Commento

Contattaci whatsapp