Intervenire subito o la pineta del litorale Foce Sele morirà entro quarant’anni

Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo

Se non si interviene con un piano di ripresa della pineta, l’area della litoranea orientale di Salerno, non ha più di 30 o 40 anni di vita.

Il monito arriva dalla Presidente dell’Ente Riserve Naturali Foce Sele Tanagro e Monti Eremita Marzano, Maria Gabriella Alfano, che ieri ha presentato il piano di gestione del litorale marittimo e delle oasi dunali a destra e sinistra della foce del Sele, sotto la supervisione della Regione e con la collaborazione dei Comuni di Capaccio ed Eboli e di due consulenti.

Il piano prevede il blocco immediato all’attraversamento e ai parcheggi sulle dune a foce Sele. Tra le prime specie animali da proteggere nell’area ci sono il martin pescatore, l’airone rosso, la cicogna bianca e la quaglia.

Il piano, che dovrà essere attuato dall’Ente Riserve, è stato predisposto grazie ai fondi del Patto ambientale e permetterà di intercettare i fondi strutturali europei 2014-2020.

Il piano contiene una forte base di ricerca condotta dall’agronomo Domenico Selenga e dal naturalista Marcello Mezzasalma.

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.
Vipnet, la soluzione per internet e voip senza linea fissa

Lascia un Commento