Interrogati i 9 della Gang delle devastazioni a Salerno: lo abbiamo fatto per gioco

Nell’interrogatorio di garanzia a cui sono stati sottoposti ieri i 9 giovanissimi arrestati per le devastazioni compiute ai danni di numerose auto nella città di Salerno hanno ammesso le proprie responsabilità dicendo che lo facevano per gioco. L’interrogatorio si è svolto dinanzi al al Gip Maria Zambrano e alla presenza degli avvocati di fiducia.

Otto di loro hanno risposto alle domande del magistrato, solo uno ha deciso di rendere dichiarazioni spontanee. Ma tutti hanno ammesso gli addebiti, provando a giustificare l’azione criminale come una bravata. Raid che però non sarebbero stati pianificati ma decisi per caso quando si sono ritrovati a Salerno.

Anche per un caso avrebbero avuto in auto le pistole ad aria compressa acquistate il giorno prima e utilizzate per infrangere lunotti e finestrini delle vetture.  

Nessuno dei legali ha fatto richiesta di scarcerazione ma soltanto per uno dei ragazzi è stato presentato un permesso per recarsi a lavoro.

Le due pistole ad aria compressa, che avevano con se, sono state trovate dai carabinieri durante una perquisizione a casa di uno degli arrestati.

Lascia un Commento