Inneggiava alla jihad con scritte sui muri a Sarno, condannata donna di Sarno

E’ stata condannata a 2 anni di reclusione la donna di 45 anni di Sarno, accusata di istigazione a delinquere, deturpamento di cose, resistenza a pubblico ufficiale, violenza privata, diffamazione, oltraggio e stalking.

Molti i reati commessi come quello di aver tappezzato le mura cittadine di Sarno di insulti rivolti a politici locali, nazionali e forze dell’ordine, con scritte inneggianti anche alla «jihad», la guerra santa.

Fu anche denunciata poiché in casa e in borsa custodiva degli ordigni artigianali. La 45enne inneggiava all’Isis, l’organizzazione islamica terroristica, attraverso Facebook, poi collocò una bandiera dello Stato Islamico dinanzi agli uffici del Giudice di Pace di Sarno.

Del suo caso se ne occuparono anche gli agenti dell’Antiterrorismo.

Lascia un Commento