Incidenti stradali, l’ACI denuncia una grave emergenza in Campania

E’ critica la condizione della sicurezza stradale in Campania. Secondo gli ultimi dati ACI-Istat, nel 2017, nell’intera regione Campania si registra una recrudescenza del fenomeno incidentalità stradale. Le persone che hanno perso la vita per questo motivo, infatti, sono aumentate di ben l’11%. Lo scorso anno sono state 242.

Non a caso, il tasso di mortalità in Campania è pari a 2,4, nettamente più elevato dell’1,9 registrato a livello nazionale. Rispetto all’obiettivo europeo del dimezzamento del numero delle vittime della strada, da raggiungere nel periodo 2010-2020, la regione sinora fa registrare un decremento di appena il 4,7%, che la colloca al quart’ultimo posto in Italia.

Male, in particolare, i tratti autostradali che attraversano la Campania dove il numero dei morti è aumentato addirittura del 41%, tanto da far schizzare il loro tasso di mortalità a 4,2. Tra le province campane, Salerno è quella caratterizzata dal maggior incremento di decessi (+42,1%). “La situazione è piuttosto grave – commenta il presidente dell’ACI Campania, Antonio Coppola.

La sicurezza stradale è scivolata progressivamente fuori dall’agenda politica, sia a livello provinciale che regionale, e questi sono i risultati. Si investe poco, anzi quasi nulla, nella manutenzione delle infrastrutture e nella formazione degli utenti della strada”. In base ai costi generali medi per sinistro stradale, calcolati dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, si può stimare che, in Campania, il costo sociale annuo degli incidenti è pari a un miliardo e 200 milioni di euro: in pratica, i sinistri incidono sull’intera collettività con un costo medio pro capite pari a 206 euro all’anno.

Lascia un Commento