Inchiesta maxi truffa ai danni dell’Inps nel 2018, liberati dai domiciliari 5 indagati

Aggiornamenti rispetto all’inchiesta sulla maxi truffa ai danni dell’Inps, scoperta nei giorni scorsi.

Si tratta di una vicenda per la quale nel 2018 era partita un’attività investigativa nel corso della quale è stato scoperto che attraverso compensazioni fittizie derivanti da importi conguagliati, relativi ad arretrati per assegni nucleo familiare, malattia e maternità, si era verificata l’indebita erogazione previdenziale e di crediti d’imposta, per oltre 2 milioni di euro.

Il Tribunale del Riesame ha liberato dagli arresti domiciliari 5 dei 6 principali indagati nella vicenda.

E’ stata quindi annullata l’ordinanza di custodia cautelare che era stata firmata dal gip del tribunale di Nocera Inferiore, su richiesta della procura. Tornano in libertà il presidente nazionale di Lecce di Federaziende, il referente regionale di Federaziende, il presidente nazionale dell’Ente Bilaterale di Lecce, il gestore di Federaziende Campania e il consulente del lavoro di Moiano, vicino Benevento. L’unica misura cautelare in vigore resta per il consulente di Pagani, che ha rinunciato a presentare ricorso.

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Lascia un Commento