Incendio all’Oasi WWF di Persano, ecco una prima stima dei danni

Il WWF ritiene ancora prematuro stabilire la stima dei danni, provocato dall’incendio all’interno dell’oasi di Persano, perché dal punto di vista ambientale occorre del tempo per avere un quadro più certo sugli impatti subiti.

Comunque il danno maggiore riguarda il bosco igrofilo, in quanto questo tipo di vegetazione ha una complessità di sviluppo sicuramente superiore al resto degli altri ambienti colpiti. Inoltre queste formazioni boschive sono sempre più rare nel nostro paese e l’area di Persano è tra le più importanti anche perché ancora in fase di espansione.

In quanto alla superficie colpita dal fuoco, 15 ettari sono del canneto centrale. Per quanto riguarda il bosco igrofilo, non c’è un dato preciso, in quanto  l’incendio si è sviluppato su più fronti. Si stima comunque un’area intorno ai 10-15 ettari.  

In ogni caso, è stata colpita solo la sponda destra del fiume Sele, nel comune di Campagna.

In quanto alle cause, il WWF ritiene che siano di origine dolosa. Saranno le forze dell’ordine a dare riscontro dopo la denuncia che il WWF ha sporto subito dopo l’evento.

Lascia un Commento