Incendi, per Coldiretti Salerno “monitorare con droni e sensori”

Avverte di non sottovalutare il fenomeno incendi la Coldiretti Salerno evidenziando che “non si può lavorare rincorrendo le emergenze ma mettendo in campo una grande azione di prevenzione”.

Per il presidente di Coldiretti Salerno, Vittorio Sangiorgio, è necessaria un’azione di monitoraggio con dro­ni e sensori insieme ad una rinnovata attenzione al patrimonio boschivo, con la realizzazione di fasce parafuoco e un progetto di cura e valorizzazione del sottobo­sco.

Sangiorgio ricorda che i pri­mi a pagare le conseguenze degli incendi sono gli agr­icoltori ma il problema con le prime piogge potrebbe spostarsi a val­le con conseguenze incalcolabili.

Sarno, e non solo, fanno parte purtroppo della storia recente. Il problema riguarda anche il turismo, con un ritorno di immagine molto negativo per il nostro territorio.

Per il presidente dell’organizzazione agricola provinciale salernitana, occorre una nuova coscienza della monta­gna innanzitutto rispettandola e monitoran­dola come il più gra­nde patrimonio che abbiamo a disposizione.

Lascia un Commento