Incendi in Campania, tra maggio e luglio distrutti 13mila ettari di cui 6mila nel Salernitano

Tra maggio e luglio in Campania sono andati in fumo 13.037 ettari di superfici boschive, quattro volte la superficie bruciata in tutto il 2016.

La provincia più colpita è quella di Salerno con 6.007 ettari distrutti dal fuoco pari al 46% della superficie totale regionale bruciata; segue la Provincia di Napoli con 3.143 ettari bruciati, dove si registra il disastro ambientale più grave del Vesuvio e la Provincia di Caserta con 3.064.

E’ quanto emerge dagli ultimi dati aggiornati al 26 luglio elaborati da Legambiente e raccolti dalla Commissione europea.

Ogni ettaro di bosco distrutto dal fuoco costa alla collettività circa 20mila euro tra attività di spegnimento e rinverdimento, smaltimento dei residui e legna perduta nell’incendio.

Lascia un Commento