In attesa di verità sull’omicidio del sindaco di Pollica, Angelo Vassallo. A Radio Alfa la riflessione del fratello Dario


Tecnocasa cerchi lavoro

Ci sono tre carabinieri, quattro imprenditori e due esponenti di un clan camorristico tra i nove indagati a vario titolo nell’inchiesta per l’omicidio del sindaco di Pollica, Angelo Vassallo, compiuto il 5 settembre 2010 ad Acciaroli, con nove colpi di pistola.

Il provvedimento riguarda il tenente colonnello Fabio Cagnazzo, l’ex brigadiere Lazzaro Cioffi, il carabiniere Luigi Molaro, l’imprenditore Giuseppe Cipriano (titolare di una sala cinematografica a Scafati), i fratelli Domenico, Giovanni e Federico Palladino che gestiscono una struttura ricettiva; Romolo e Salvatore Ridosso, ritenuti componenti del clan camorristico scafatese dei Loreto-Ridosso. Angelo Vassallo dunque sarebbe stato ucciso per evitare che potesse denunciare il traffico di droga nato attorno al porto della “sua” Acciaroli. In questi lunghi anni non ha mai smesso di cercare la verità, il fratello del sindaco, Dario Vassallo presidente della Fondazione che porta il nome del sindaco pescatore. Oggi il suo commento a Radio Alfa

Cartolina Tecnocasa ti stiamo cercando

Ascolta
caso Vassallo
Il file audio (podcast) di questa notizia scadrà dopo 30 giorni dalla data di pubblicazione. Successivamente sarà possibile richiederlo via Email.

 

Per ricevere le nostre notizie in tempo reale, unisciti gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Super Fibra 1000 Mega Open Fiber

Tecnocasa cerchi lavoro

Lascia un Commento