Immigrazione. Prosegue l’opera di accoglienza della Caritas di Teggiano Policastro (AUDIO)

Il canale di Sicilia si trasforma ancora una volta in una tomba per decine di uomini donne e bambini che scappano da guerre e disperazione: l'ennesimo naufragio di migranti, nelle ultime ore. ormai se ne conta quasi uno a settimana.

L’ultimo naufragio è avvenuto ad una quarantina di miglia dalla Libia, non molto lontano dal punto dove il 5 agosto scorso è affondato un barcone con a bordo oltre 600 persone, almeno duecento delle quali sono finite in fondo al mare.

Stavolta i dispersi – dunque morti – potrebbero essere almeno 50, secondo il racconto fatto dagli stessi sopravvissuti agli uomini della Marina Militare che li hanno soccorsi e salvati. Questa premessa, anche perché nel nostro territorio, nel salernitano, in silenzio, si continua a lavorare per accogliere ed aiutare questa gente disperata.

E’ il caso della Caritas della diocesi di Teggiano Policastro guidata da don Vincenzo Federico.

Ne abbiamo parlato con il Vescovo Mons. Antonio de Luca.

Riascolta qui l'intervista

Riflessione Mons. De Luca

Lascia un Commento