Il Tribunale di Salerno condanna l’orco della rete, dall’Albania aveva adescato una minorenne

Era stato arrestato nel 2016 per aver adescato su Facebook una ragazzina 12enne di Salerno dalla quale sin dal 2010 si era fatto inviare materiale erotico, realizzato dalla ragazzina minacciandola poi di diffonderlo in rete.

L’uomo che ora ha 70 anni è stato condannato dal Tribunale di Salerno a 7 anni di reclusione per le accuse di violenza sessuale aggravata, divulgazione di materiale pedopornografico, accesso abusivo a sistema informatico, sostituzione di persona e atti persecutori ai danni di minori.

Il pedofilo si trovava in Albania ed è stato necessario un lungo lavoro di collaborazione con lo stato straniero per ottenere l’estradizione dell’anziano per fargli scontare il carcere in Italia.

L’uomo sui social si fingeva adolescente, ma era solo per adescare ragazzine. La polizia postale è riuscita a stanarlo attraverso una meticolosa indagine informatica coordinata dal sostituto procuratore di Salerno, Roberto Penna, che è riuscito a scovarlo, attraverso l’indirizzo Ip di un internet point in Albania. Necessaria e fondamentale è stata anche la collaborazione dell’Interpol. La magistratura è riuscita ad ottenere l’estradizione in Italia, oltre al sequestro dei computer usati dal pedofilo.

Le indagini erano partite nel 2013 dopo che la vittima aveva confidato quello che le stava succedendo.

Lascia un Commento