Grano in svendita, protestano gli agricoltori campani. Intervista a Rago (Confagricoltura Campania)

E’ in atto una mobilitazione nazionale contro la svendita del grano italiano, colpito da una speculazione da 700 milioni di euro. A tanto ammontano infatti, secondo Coldiretti, le perdite subite dagli agricoltori italiani per il crollo dei prezzi rispetto allo scorso anno. Un quintale di grano duro viene pagato al produttore, quando va bene 18 euro al quintale, mentre un quintale di pasta al consumatore costa 180 euro.

E’ solo un esempio che fotografa la crisi dei prezzi dettata dalle speculazioni internazionali, ''che sta mettendo in ginocchio uno dei più importanti settori del made in Italy alimentare nel mondo, a cominciare dalle pregiate produzioni campane''.

A denunciarlo è anche Agrinsieme Campania, l’organizzazione che vede insieme Cia, Confagricoltura, Copagri e Alleanza delle cooperative. Ieri si è svolto un presidio sotto la sede della Regione Campania ed è stato consegnato un documento con una serie di proposte.

 

A Radio Alfa ne abbiamo parlato con il presidente di Confagricoltura Campania e di Salerno, Rosario Rago.

Riascoltalo QUI

Rosario Rago su prezzo del grano

Lascia un Commento