Giornata mondiale dell’ambiente, il monito del Presidente dell’ordine dei geologi

Rispettare il pianeta e promuovere una cultura sostenibile e ambientale. Questo il monito del Presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi, il salernitano Francesco Peduto, in occasione della Giornata mondiale dell’Ambiente.

Secondo Peduto, l’educazione ambientale deve cominciare dalle scuole, ma contestualmente occorre che in Italia, dove sono numerosi i georischi, da quello sismico a quello idrogeologico e vulcanico, si faccia un passo avanti concreto. Sono tanti i problemi che mettono a repentaglio la salute del pianeta, tra cui le emissioni di gas serra, aumentate quasi del 50 per cento dagli anni Novanta ad oggi, che rappresentano la principale causa del riscaldamento globale e sono una seria minaccia per l’umanità.

E per il futuro le previsioni sono preoccupanti. Peduto ricorda che un recente studio dell’Istituto degli Studi Ambientali di Amsterdam sul rischio idrogeologico in Europa evidenzia che il rischio di alluvioni aumenterà costantemente, fino a raddoppiare, mentre quelle più violente diventeranno più frequenti. “La priorità deve essere – secondo Peduto – quella di porre un freno a tutte quelle azioni che determinano o contribuiscono ai cambiamenti climatici. “Bisogna educare i cittadini ad amare l’ambiente in cui vivono – conclude – perché è proprio l’uomo il responsabile dei processi di degradazione del territorio e del suolo che sono alla base del dissesto”.   

Lascia un Commento