Giornata Europea dei Giusti dell’Umanità, a Salerno conferimento a Marco Cappato. L’intervista

Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo

Anche a Salerno si è celebrata oggi la Giornata Europea dei Giusti dell’Umanità istituita nel 2012 dal Parlamento Europeo in ricordo di chi, durante il periodo dello sterminio degli Ebrei, si è prodigato per salvare le loro vite.

Il termine Giusto oggi indica tutti coloro che, nei momenti difficili della Storia, si prodigano per difendere la dignità umana. L’Italia è stato il primo Paese ad aderire. A Salerno lo scorso anno fu aperto il “Giardino dei Giusti dell’Umanità” negli spazi verdi nei pressi della Scuola Elementare “Barra”. Oggi il conferimento del titolo di “giusto dell’umanità” a Marco Cappato dell’Associazione Luca Coscioni come Giusto della libertà, libertà fino alla fine della vita. In suo onore è stata apposta una targa alla presenza di Cappato e dell’avvocato Filomena Gallo, segretario dell’Associazione Luca Coscioni.

Le dichiarazioni di Cappato:

“Il Parlamento sta discutendo, finalmente, dopo 40 anni dalla prima proposta di Loris Fortuna sulla legalizzazione dell’eutanasia che significa battersi, non per la morte, ma per la libertà di ciascuno – così ha detto Cappato – La scelta non è eutanasia sì, eutanasia no, ma tra eutanasia clandestina, cioè realizzata senza nessun tipo di garanzie e quindi esposta al massimo di abusi possibili, ed eutanasia legale, cioè con tutti i controlli medici per ridurre, per quanto possibile, la sofferenza delle persone, magari anche prevenendo delle richieste di eutanasia che alle volte sono solo richieste di aiuto”. “La ragione per la quale ho affrontato come disobbedienza civile l’aiuto dato a dj Fabo, a Davide Trentini ad ottenere, alla luce del sole, quello che altrimenti tanti ottengono clandestinamente ha sottolineato – è di accendere i riflettori e l’attenzione sull’importanza di questo tema perché, insieme a coloro che la pensano all’opposto da come la penso io, ci sono soprattutto da sconfiggere gli indifferenti. No, noi vogliamo che sia la forza del diritto ad aiutare le persone malate terminali ad essere libere di scegliere fino alla fine. Per me oggi è un onore ricevere questo riconoscimento che dedico alle persone che soffrono perché possano scegliere con l’aiuto della legge dello Stato, invece di doverlo fare nella clandestinità”. Alla domanda se teme un arretramento dei diritti con questo Governo, Cappato ha spiegato che” sicuramente la tentazione di fare propaganda c’è su tutto, quindi anche sul tema delle libertà civili. Dico però che se ci sarà un minimo di conoscenza per i cittadini di ciò che accade in Parlamento, e non è detto che ci sarà, gli italiani continuano ad essere molto avanti rispetto a questo ceto politico”.

Ascolta l’intervista

Cappato

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.
Vipnet, la soluzione per internet e voip senza linea fissa

Lascia un Commento