Gioi – Soppressione del Saut, si ricorrerà al Tar

Contro la chiusura del Saut di Gioi, nel Cilento, sarà presentato un ricorso al Tar. A questa decisione è giunto ieri sera il consiglio comunale, riunito per affrontare la questione legata alla sanità, con la partecipazione anche dei sindaci dei vicini comuni di Castelnuovo, Casal Velino, Moio della Civitella, Stella Cilento, Magliano Vetere, Perito e Salento, nonché il vicario della Diocesi di Vallo della Lucania don Guglielmo Manna, gli operatori sanitari del territorio ed i cittadini.
Il sindaco padrone di casa Andrea Salati ha riferito che nei prossimi giorni ci sarà un confronto con gli avvocati per mettere a punto l’azione legale che possa bloccare il provvedimento del Direttore Generale dell’Asl che prevede la chiusura del servizio di assistenza per le emergenze sanitarie sul territorio. Durante il consesso civico è stata posta l’attenzione su come “nel contratto siglato dal Comune con l’Asl nel 1997 si legge che prima di poter chiudere la struttura c’è bisogno di una comunicazione ufficiale almeno tre anni prima, cosa che – dice Salati – assolutamente non è mai arrivata”. Al consiglio comunale il primo cittadino di Gioi aveva invitato anche il manager Squillante. A giudizio del sindaco Salati, si è voluto colpire Gioi, senza che poi vi fosse alcun motivo per farlo, ma si è venuto a creare un danno rilevante a tutto il territorio visto che il presidio sanitario presente a Gioi serve altri 15 comuni del Cilento interno.

Lascia un Commento