Giffoni Sei Casali, migrante si oppone al trasferimento e si scaglia contro i carabinieri

Un ragazzo nigeriano di 24 anni è stato arrestato, ieri, a Giffoni Sei Casali.
Il ragazzo è accusato con una connazionale, di concorso in violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale, lesioni personali e danneggiamento. Il giovane era sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla P.G. a seguito dell’arresto per detenzione di hashish e marijuana lo scorso 13 aprile a Salerno.

I due, ospiti del Centro di Prima Accoglienza “Casa della Speranza” di Giffoni Sei Casali, per impedire il trasferimento dell’uomo ad un’altra struttura ricettiva a Sicignano degli Alburni, in esecuzione di un provvedimento emesso, lo scorso 5 maggio, dalla Prefettura di Salerno per incompatibilità di quattro richiedenti asilo con la tipologia del centro giffonese, adibito alla ricezione delle sole donne e bambini con relativi nuclei familiari, si sono scagliati contro i militari, quattro dei quali hanno riportato contusioni varie giudicate guaribili entro i 20 giorni, danneggiando anche un’autovettura di servizio.

Espletate le formalità di rito, i migranti sono stati ristretti, in stato detentivo, l’uomo nella camera di sicurezza della Compagnia di Battipaglia, la donna presso il centro di accoglienza ove già si trovava ospite, in attesa di giudizio con rito direttissimo disposto, per questa mattina, presso il Tribunale di Salerno.

Regolarmente trasferiti, nel pomeriggio di ieri gli altri tre migranti presso strutture ricettive tutte ubicate in provincia di Salerno.

Lascia un Commento