Gestione rifiuti nel Salernitano, le precisazioni di Fausto Vecchio (delegato provinciale Ambiente)

Dura nota oggi del consigliere provinciale, con delega all’Ambiente, Fausto Vecchio in merito alle varie questioni relative al problema rifiuti nel Salernitano. 

Sull’incendio di rifiuti speciali alla New Rigeneral Plast di Battipaglia, Vecchio invita gli amministratori a rendersi maggiormente responsabili della gestione del ciclo integrato dei rifiuti, del funzionamento e della gestione degli impianti e dei controlli, nel rispetto della legge regionale che assegna all’ATO (Ambito Territoriale Ottimale) costituiti dai Comuni in forma associata, le funzioni relative alla gestione dei rifiuti urbani. La Provincia parteciperà domani sia al tavolo tecnico che a quello politico che il Sindaco di Battipaglia ha convocato per domattina con l’obiettivo della messa in sicurezza e l’eventuale bonifica dell’area interessata dall’incendio.

Ma il consigliere provinciale con delega all’Ambiente si è soffermato, nella sua nota, anche sulla chiusura temporanea del termovalorizzatore di Acerra per lavori di manutenzione dal 30 agosto al 12 ottobre precisando che la Provincia di Salerno gestisce gli impianti del ciclo integrato dei rifiuti attraverso la società provinciale “Ecoambiente Salerno” che gestisce anche l’ex STIR di Battipaglia al quale conferiscono 130 comuni sui 158 della provincia. Qui i rifiuti indifferenziati, prima di essere trattati, vengono depurati di tutto ciò che è riciclabile, poi tritovagliati ma l’impianto di Battipaglia è saturo per il periodo in cui Acerra è chiuso. Da ciò la necessità di trasferire 2mila tonnellate a Polla, per 3 mesi, in un impianto già in passato autorizzato dalla Regione come impianto di recupero rifiuti. I rifiuti da conferire – precisa Vecchio – sono sciolti, tritovagliati e stabilizzati, non emanano odori e non producono percolato. “Non si giustifica in alcun modo la resistenza dei Sindaci della zona. Credo che sarebbe più utile per gli amministratori del Comune di Polla chiedere garanzie sui tempi di stoccaggio, proponendo che dal giorno dell’eventuale conferimento dei rifiuti nell’impianto, il Comune debba essere esentato dal pagare i costi di conferimento a Battipaglia” così precisa e suggerisce ancora il delegato all’Ambiente della Provincia che conclude la nota stampa con una nota di colore: “presso l’ufficio ambiente della Provincia  un campione di tale sostanza è in esposizione sulla scrivania del dirigente in apposito contenitore di alluminio, proprio perché si tratta di materiale inodore”

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Lascia un Commento