Furti nelle zone industriali, blitz dei Carabinieri di Sala Consilina nel Napoletano

Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo
Radio ALFA, LIVE • LOCAL • SOCIAL

Una 50ina di carabinieri della Compagnia di Sala Consilina questa mattina hanno fatto un blitz, con l’ausilio del Nucleo Elicotteri di Pontecagnano, nel campo nomadi di Arzano, nell’hinterland napoletano, per eseguire un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 4 persone di etnia rom, pluripregiudicate.

Gli arrestati sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di furti aggravati ai danni di capannoni industriali in tutto il territorio nazionale. Altre 3 persone sono state denunciate a piede libero per gli stessi reati.

 

Uno dei destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere è considerato il capo del campo nomadi. E’ detenuto presso la Casa Circondariale di Avellino. In precedenza era evaso durante la “rivolta del carcere di Foggia” del marzo scorso. 

L’indagine dei carabinieri di Sala Consilina, coordinata dalla Procura di Lagonegro, era stata avviata nell’inverno 2019, grazie anche ad una informativa dell’ufficio dell’esperto per la sicurezza presso l’Ambasciata Italiana in Romania del Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia. Gli investigatori hanno infatti potuto identificare un gruppo criminale composto da 7 persone, con base logistica ad Arzano, dedito alla commissione di reati predatori in aziende con sede in zone industriali di varie regioni del territorio nazionale.

La banda avrebbe compiuto 29 furti nelle zone industriali di Atena Lucana, Polla, Sala Consilina, Lauria, nella provincia di Roma, ad Anagni in provincia di Frosinone e anche in provincia di Terni. Durante i colpi hanno rubato attrezzi da lavoro, pneumatici, matasse di rame, generi alimentari pregiati e materiale informatico, per un valore complessivo di circa 300mila euro. I carabinieri hanno recuperato e restituito ai legittimi proprietari 18 veicoli, per un valore di circa 150.000 euro. Nel corso delle indagini sono stati arrestati in flagranza di reato 6 soggetti. 

Il modus operandi adottato per organizzare ed eseguire i furti, di notte,  era caratterizzato dall’individuare capannoni di zone industriali collocate a ridosso delle autostrade in modo d’avere una rapida via di fuga. 

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Vipnet, la soluzione per internet e voip senza linea fissa

Lascia un Commento

Contattaci whatsapp