Fondi Ue, ministro Lezzi in Campania “qui nessuna criticità”. De Luca “spostare fondi su scuole”

La Campania non ha criticità da evidenziare sulla spesa dei Fondi Europei. Sta andando avanti con la spesa dei fondi strutturali. Lo ha confermato ieri il ministro per il Sud, Barbara Lezzi, al termine dell’incontro con il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca. Lezzi sta effettuando un giro di verifica, controllo e supporto alle Regioni nella spesa dei fondi strutturali europei. La ministra ha detto che tutte le Regioni l’anno scorso hanno raggiunto il target di spesa. La Campania per raggiungere gli obiettivi deve spendere 455 milioni entro la fine dell’anno. Il ministro Lezzi ha sottolineato che nella riunione si è parlato anche della programmazione del prossimo ciclo dei fondi.

Ha definito molto positivo l’incontro avuto ieri con la ministra del Sud Lezzi, il governatore della Campania De Luca spiegando che è servito a verificare il raggiungimento degli obiettivi di spesa dei fondi europei. De Luca ha anche precisato che durante l’incontro si è discusso sulla riprogrammazione di alcuni fondi, perché vi sono alcune esigenze che rimangono scoperte perché l’Unione Europea non lo consente. Il presidente della Regione Campania ha posto in primo luogo il problema dell’edilizia scolastica. I sindaci vengono diffidati rispetto al problema della sismicità degli edifici ma poi non hanno risorse per andare avanti. De Luca ha chiesto di spostare una parte dei fondi europei per consentire interventi sulla messa in sicurezza delle scuole e di rafforzare gli assi che riguardano gli interventi ambientali, reti fognarie assetto idrogeologico, per i quali le risorse previste sono esaurite. “L’Unione Europea ha privilegiato gli investimenti immateriali, ma se le emergenze che abbiamo sono di altro tipo spostiamo le risorse dove abbiamo le criticità”, così Vincenzo De Luca.

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Lascia un Commento