Fonderie Pisano, Regione revoca l’AIA, stabilimento di nuovo fermo

Ancora un capitolo della travagliata storia delle Fonderie Pisano di Salerno. In un comunicato stampa, il presidente delle Fonderie, Mario Pisano, rende noto che la Regione Campania ha revocato l’Aia, l’autorizzazione Integrata Ambientale, causando di fatto una nuova interruzione dell’attività produttiva, fatta eccezione per le operazioni di messa in sicurezza degli impianti.

La decisione della Regione è stata presa dopo che non è stato dato parere favorevole del procedimento di Via Integrato con la Valutazione di incidenza in merito al “Progetto di ammodernamento” dell’impianto produttivo in via Dei Greci. Il progetto di ammodernamento finalizzato alla permanenza provvisoria a Fratte dello stabilimento non potrà dunque essere approvato, perché, nonostante la buona volontà dell’azienda, è stato notificato prima il parere negativo all’istanza Via-Vi e successivamente il decreto di revoca dell’Aia.

“Rispetteremo la decisione della Regione- si legge nella nota di Pisano – e abbiamo già spento i forni; inizieremo a mettere in sicurezza gli impianti con il rammarico che non produrranno più opportunità di lavoro nel nostro territorio”. Pisano poi annuncia ricorso al Tar.  

Lascia un Commento