Fonderie Pisano, Marcelli (Fiom) ‘a Salerno non è morto nessuno, nessun disastro ambientale’

“A Salerno non è morto nessuno per le Fonderie Pisano. A Salerno non c'è nessun disastro ambientale per le fonderie, né ci sono malattie ad esse collegate”.

A dirlo è Maurizio Marcelli della segreteria nazionale Fiom che ieri pomeriggio ha preso parte all'assemblea sindacale dei lavoratori dello stabilimento di Fratte. Marcelli ha anche detto che “non c'è stata violazione delle norme da parte del proprietario dello stabilimento o dall'atteggiamento complice dei lavoratori”.

Per il responsabile nazionale del sindacato dei metalmeccanici, l'attività delle Fonderie Pisano non si deve fermare, perchè se restano ferme per lungo tempo si perderanno tutti i clienti e le quote di mercato.

A giudizio di Marcelli, per una violazione puramente amministrativa si ha il dovere di dissequestrare l'impianto ma il magistrato non lo fa ed è una cosa gravissima. A fronte di quello che è avvenuto qui nei mesi passati sul fatto che questa Fonderia sembrava essere l'origine di tutti i mali, la Procura si è sentita in dovere di intervenire preoccupata.

Il responsabile della Fiom fa anche autocritica affermando che il sindacato ha sbagliato perché non è stato capace di spiegare il valore del lavoro industriale che produce ricchezza e non mortalità, se ben fatto.

Lascia un Commento