Florovivaismo campano in crisi, l’appello “togliere divieto di portare fiori freschi in cimitero”

Super Fibra 1000 Mega Open Fiber

E’ in ginocchio anche il comparto florovivaistico campano.

 

Un appello ai sindaci del territorio è arrivato da Vincenzo Malafronte, presidente del Consorzio Produttori Florovivaisti Campani. Chiede di scongiurare il divieto di portare fiori freschi in cimitero, d’estate, così da evitare il rallentamento delle vendite e dare una boccata d’ossigeno al settore del florovivaismo.

A gravare sul settore è poi l’assenza di cerimonie, matrimoni, feste ed eventi. Le perdite si stanno sommando a quelle già registrate durante la quarantena, con imprenditori e cooperative costrette a mandare al macero il 100% della produzione. Secondo i dati in possesso del Consorzio sono stati circa 10mila gli appuntamenti saltati solo in Campania. Nel 2021 il lavoro raddoppierà poiché bisognerà recuperare i matrimoni e le cerimonie saltate quest’anno.

“Potremmo trovarci con un settore ingessato e senza approvvigionamenti. Con l’aggravante di dover comprare dall’estero non aiutando certo il comparto made in Italy” così il presidente del Consorzio Produttori Florovivaisti Campani.

 

Per ricevere le nostre notizie in tempo reale, unisciti gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Super Fibra 1000 Mega Open Fiber
 

Lascia un Commento