“Femmen cu’ ‘e mmane ‘int ‘e capill'” da Pino Daniele all’attualità. L’universo al femminile


“Femmena, con gli occhi sempre lucidi finisci questo secolo con qualche ruga in più e si’ cchiù femmena cu’ ‘e mmane ‘int ‘e capill’ me piace quann’ strill’ parlami ancora. Io che amo a modo mio vorrei somigliarti un po’ per non avere più paura”… 

Prende ispirazione dal testo della canzone “femmena” di Pino Daniele del ’91, il progetto “femmen cu’ ‘e mmane ‘int ‘e capill'” del regista salernitano Vanni Avallone. Una lunga ricerca di testi che hanno come protagoniste le donne, anzi le femmine, “misteriose e inafferrabili, seducenti e repellenti, spietate e vulnerabili, glaciali e incandescenti”.

Un progetto di grande attualità, in un periodo storico in cui tra voci e racconti che scandiscono minuti “in rosa” tra desideri, pensieri e paure dell’universo femminile.

Vanni Avallone

 

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Una risposta

  1. Giovanni 22/01/2019

Lascia un Commento