Fatture false per evadere, sequestri anche nel Salernitano

Sono stati eseguiti anche nel Salernitano sequestri di beni disposti dal Gip del Tribunale di Castrovillari, in Calabria, per un valore complessivo di 1,6 milioni di euro a carico di una società operante nel settore dei trasporti.

I finanzieri hanno eseguito il provvedimento nei confronti del legale rappresentante della società, un 30enne, e del consulente fiscale di 67 anni. I beni sono stati sequestrati nelle province di Salerno, Cosenza, di Venezia e Treviso.

I sigilli sono stati apposti a 28 tra auto, motrici e semirimorchi, ad una villetta, un terreno, quote societarie e conti correnti.

Dall’indagine della finanza è emersa una frode fiscale caratterizzata dall’utilizzo di crediti Iva, fittizi o inesistenti, precostituiti in compensazione di imposte e contributi Inps dovuti.

Un’attività fraudolenta che secondo l’accusa è iniziata già dopo l’avvio dell’attività, avvenuta nel dicembre 2012, e portata avanti grazie ad una serie di annotazioni contabili inesistenti, realizzate anche attraverso l’utilizzo di false fatturazioni.

Lascia un Commento