Fase 2, mondo dello spettacolo in piazza a Napoli per chiedere misure adeguate

Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo
Radio ALFA, LIVE • LOCAL • SOCIAL

I lavoratori dello spettacolo della Campania in piazza ieri a Napoli hanno protestato per chiedere misure e interventi adeguati per i lavoratori del mondo dello spettacolo divenuti “invisibili”.

Sono attori, musicisti, artisti di strada, elettricisti, fonici, scenografi, sarti.

 

Una manifestazione aperta con un rullo di tamburi e 15 minuti di silenzio. I circa 600 manifestanti si sono disposti a scacchiera, in Piazza del Plebiscito, per essere sicuri di rispettare le distanze di sicurezza e lanciare un SoS sulla crisi economica. 

Il Governo, fanno sapere i manifestanti, è stato informato delle richieste del mondo dello spettacolo. Il bonus dei 600 euro erogati dall’Inps, da solo non basta e chiedono un reddito di continuità che traghetti il comparto culturale fino alla ripresa dei settori e un tavolo tecnico-istituzionale immediato sulla riapertura.

“Il limite delle 200 persone per riaprire a giugno teatri e cinema – evidenza Matteo Garofalo – comprende anche personale di sala e vigili del fuoco, non sono 200 spettatori”. In termini numerici, per un concerto di un big della musica, lavorano, in media, 700 persone.

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Vipnet, la soluzione per internet e voip senza linea fissa

Lascia un Commento

Contattaci whatsapp