Evasione fiscale e riciclaggio, la Finanza di Salerno arresta tre persone

Tre arresti per evasione fiscale e riciclaggio sono stati eseguiti oggi dalla Guardia di Finanza di Salerno, su disposizione del Tribunale di Nocera Inferiore. I destinatari delle ordinanze di custodia cautelare in carcere sono tre soggetti della provincia di Napoli. Il provvedimento scaturisce da un’indagine, delegata dalla Procura di Trieste e condotta dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Finanza, che ha permesso di scoprire una frode fiscale nel settore del mercato dei prodotti energetici.

L’imponibile sottratto a tassazione è pari a 160 milioni di euro e ha determinato un’evasione dell’IVA di circa 35 milioni di euro.

Le misure cautelari e il sequestro per equivalente di un rilevante patrimonio, furono eseguiti nel maggio scorso su disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Trieste. In seguito alla dichiarazione di incompetenza da parte del Tribunale del Riesame triestino, il procedimento penale è stato trasferito alla Procura di Nocera Inferiore, competente per territorio e quindi sugli stessi fatti si è dovuto esprimere anche il Tribunale nocerino, che ha emesso le misure cautelari eseguite dalle Fiamme Gialle salernitane e triestine.

In particolare, l’episodio commesso nel territorio salernitano riguarda l’impiego di parte dei proventi illeciti per acquistare uno dei principali depositi fiscali operanti nello stoccaggio di prodotti petroliferi sul territorio nazionale.

Lascia un Commento