Enoturismo, il ministro ha firmato il Decreto sulle linee guida. L’export di vino in crescita

Via libera dal ministro delle Politiche Agricole-Alimentari-Forestali e del Turismo, Centinaio, al Decreto sulle Linee guida e indirizzi in merito ai requisiti e agli standard minimi di qualità per l’esercizio dell’attività enoturistica. Secondo il ministro, con questo provvedimento si apre “una nuova stagione, nuove opportunità per il comparto anche in termini di valorizzazione del territorio e occasioni di crescita per tutta la filiera, ma anche occasioni di conoscenza per chi sarà fruitore dell’enoturismo”.

Attraverso il Decreto sull’enoturismo, precisa Centinaio, le aziende vitivinicole regolamenteranno le loro attività di accoglienza, di divulgazione e degustazione, proponendo particolari percorsi esperienziali e turistici incentivando il mercato dei viaggi, delle vacanze e del turismo.

Intanto c’è un dato sull’export di vino italiano che supera i 6,2 miliardi di euro, segnando una crescita del 3,3%. Secondo l’analisi Qualivita Wine le esportazioni di vini made in Italy in termini di valore hanno segno positivo in tutti i principali mercati di destinazione: dal +4% di Usa e Germania, fino al +10% della Francia e il +7,5% della Svezia. Nella “Top ten” si riscontra una lieve flessione solo per Giappone e Danimarca. Anche Cina e Russia mostrano un freno per l’export vinicolo made in Italy, mentre trend importanti, sottolinea l’analisi Qualivita Wine, si riscontrano in Polonia (+23,3%), Australia (+18,5%), Corea del Sud (+14,6%).

Lascia un Commento